Banca Popolare di Vicenza: chiesto il trasferimento del processo

Banca Popolare di Vicenza: chiesto il trasferimento del processo

Si è svolta sabato scorso, presso il Tribunale di Vicenza, l’ennesima puntata della vicenda giudiziaria riguardante il crac della ex popolare vicentina (oggi in l.c.a.).

I legali di alcuni imputati hanno depositato un’istanza (istanza di rimessione in gergo tecnico) con cui hanno chiesto che il processo, a oggi in fase di udienza preliminare, venga celebrato presso un diverso Tribunale.

A sostegno della richiesta, in particolare, le difese hanno indicato una serie di circostanze (in primis, il troppo clamore mediatico che ha travolto l’intera vicenda, come riportato anche da http://www.ilgiornaledivicenza.it/territori/vicenza/crac-bpvi-chiesto-il-trasferimento-del-processo-1.6528897) a loro detta idonee a turbare la serenità di giudizio dell’intero ufficio giudiziario vicentino e, di conseguenza, tali da rendere necessario lo spostamento del procedimento presso il Tribunale di un altro territorio.

Adesso, la palla passa ai magistrati della Corte di Cassazione, i quali, presumibilmente entro la prossima udienza del 21 giugno, decideranno se accogliere o meno la richiesta avanzata.

Nel primo caso il processo proseguirà a Vicenza, nel secondo, invece, verrà sospeso e assegnato al Tribunale di Trento (competente).

Nel frattempo alcuni soci, per il tramite dei propri difensori, hanno chiesto che la Procura Generale della Corte d’Appello di Venezia si faccia carico delle indagini, in quanto l’operato dei magistrati vicentini avrebbe presentato numerosi profili di inerzia: in primo luogo, per non aver essi esteso le indagini anche ad altri soggetti ritenuti responsabili del dissesto della banca (società di revisione Kpmg, sindaci e diversi dirigenti e dipendenti di Banca Popolare di Vicenza); inoltre, poiché non sarebbero state considerate ulteriori ipotesi di reato quali, a esempio, la truffa e l’associazione per delinquere.

Se nelle prossime settimane l’istanza di avocazione dovesse essere accolta, ecco che si determinerebbe il passaggio delle indagini preliminari nelle mani del Procuratore Generale presso la Corte d’Appello di Venezia, Dott. Antonio Mura.

Vi terremo aggiornati.

Avv. Romina Zanvettor

Dott. Marco De Nadai

 

 

Banca Popolare di Vicenza: chiesto il trasferimento del processo

Commenta