Processo Banca Popolare di Vicenza: il via al dibattimento per le nuove costituzioni di parti civili.

Processo Banca Popolare di Vicenza: il via al dibattimento per le nuove costituzioni di parti civili.

Sabato scorso, si è celebrata avanti al Tribunale Penale di Vicenza la prima udienza dibattimentale relativa al procedimento instaurato contro gli ex-vertici di banca Popolare di Vicenza.

Dopo l’udienza preliminare, che si è chiusa con il rinvio a giudizio del Cavalier Gianni Zonin, di Massimiliano Pellegrini – preposto alla redazione dei bilanci, di Andrea Piazzetta – ex direttore generale, di Giuseppe Zigliotto – fu presidente degli Industriali vicentini e del Banco medesimo, nonché di Emanuele Giustini e Paolo Marin – entrambi ex-vicedirettori dell’istituto di credito, ora il processo per il collasso della Banca Popolare di Vicenza, entra nel vivo.

Per tutti le accuse sono pesanti e comprendono i delitti di aggiotaggio, ostacolo alla vigilanza di organismi, quali Bankitalia e Consob, oltre al falso in prospetto. Imputata risulta essere anche la Banca stessa, citata in qualità persona giuridica grazie alle norme che rendono possibile lo svolgersi del processo penale anche nei confronti degli enti.

Tuttavia, fuori da un blindatissimo palazzo di giustizia l’atmosfera non era delle più distese e, infatti, poco prima che i Giudici (presieduti dal Presidente del Collegio, Dott. Miazzi) aprissero i lavori, un nutrito gruppo di risparmiatori colpiti dal crollo, principalmente azionisti ed ex-azionisti, ha manifestato, se pur pacificamente, rivolgendo commenti “caustici”, soprattutto nei confronti del Cav. Zonin (non presente all’udienza, come tutti gli altri imputati).

L’udienza si è aperta con il deposito di numerose nuove costituzioni di parte civile, come già si era preannunciato. I difensori già costituiti, invece, hanno tempestivamente provveduto a estendere le precedenti costituzioni a tutti i reati di cui ai capi di imputazione contenuti nel decreto di rinvio al giudizio.

Il processo, oramai, sta raggiungendo dimensioni “maxi” sia per l’altissimo numero di parti civili costituite ed ammesse, sia per le pagine del fascicolo d’ufficio che, allo stato, supera già il milione. Ora è tutto rinviato all’udienza del prossimo 15 dicembre, nel corso della quale i difensori degli imputati solleveranno le eccezioni alle costituzioni di parte civile.

Lo Studio Legale provvederà ad aggiornare i propri Clienti in merito agli sviluppi.

Avv. Romina Zanvettor

Processo Banca Popolare di Vicenza: il via al dibattimento per le nuove costituzioni di parti civili.

Commenta